Deir Dar Musa: Progetto “the Sham Spiritual Oasis”  | Federica Araco, Deir Mar Musa, Paolo Dall'Oglio
Deir Dar Musa: Progetto “the Sham Spiritual Oasis” Stampa
Federica Araco   
Deir Dar Musa: Progetto “the Sham Spiritual Oasis”  | Federica Araco, Deir Mar Musa, Paolo Dall'OglioL'oasi spirituale Sham è vista come una zona ambientale, culturale e religiosa, un posto dove la gente con identità diverse può meditare, pregare, riposare ed interagire. Ai potenziali partecipanti è stato chiesto di considerare all'interno dell'oasi, in una superficie di circa 14 ettari, uno spazio per la meditazione e la contemplazione, un museo educativo per l’ambiente e la cultura, un corridoio multiuso (per mangiare, incontrarsi, studiare, ecc), uno spazio per laboratori di mestieri e punti di vendita, un ostello di 100 letti e un luogo di accampamento con delle facilità supplementari facoltative.

Ai partecipanti è stato chiesto di fornire le loro proposte artistiche dell'oasi su un foglio A0 (119*84 cm). Le presentazioni comprendono composizioni in inglese e in arabo in cui i partecipanti spiegano i loro concetti ed elaborano sulla tema della cultura Sham e dell’ospitalità.

Le idee presentate nella gara saranno usate come ispirazione per lo sviluppo del Centro del visitatore nella zona protetta Wadi Deir Mar Musa. Un altro scopo è quello di generare un'occasione per il dialogo e lo scambio di idee fra coloro che sono coinvolti nel progetto, attraverso la mostra nella galleria Mustafa Ali, Damasco (il 7-21 settembre 2008), la mostra nel Centro del visitatore nella zona protetta Wadi Deir Mar Musa (il 15-30 novembre 2008) e sul sito web.

La pubblicità per la gara è stata fatta principalmente attraverso il sito. Allievi e professionisti interessati si sono registrati da tutto il mondo. Gli organizzatori hanno ricevuto 48 registrazioni da 14 paesi. La giuria è composta da: sig.ra Dima Akkad Tourekmani (sviluppo del Master in Turismo), Dott. Irene Labeyrie (professore di architettura), signora Lenka Vasickova (Centro Culturale Arabo di Tanween), sig. Mustafa Ali (scultore), il sig. Paolo Comoglio (COSV), padre Paolo Dall'Oglio (Superiore di Deir Mar Musa al-Habashi), Dott. Rafee Hakky e Dott. Wael Samhouri (professori di architettura). La coordinazione e l'amministrazione del progetto a cura della signora Maya Alkateb.




Federica Araco
(17/10/2008)