Festival Timitar 2008 Signes & Cultures | babelmed
Festival Timitar 2008 Signes & Cultures Stampa
babelmed   
Festival Timitar 2008 Signes & Cultures | babelmedAttraverso tre scene diverse ripartite nella città di Agadir e l’accesso totalmente gratuito ad esse, Timitar invita gli spettatori a lasciarsi guidare dalla loro ispirazione al richiamo di differenti universi musicali. Grazie alla musica il festival Timitar resta fedele alla sua volontà di riunire e fare dialogare le culture nella loro diversità.

Lo spirito di Timitar
Alla sua quinta edizione, il festival Timitar è diventato un appuntamento essenziale nel paesaggio culturale marocchino. Oggi considerato uno dei grandi festival del paese, offre una manifestazione, ormai ben avviata, che apre attivamente alla promozione della cultura del Souss Massa Drâa.
Quest’anno, dal 1 al 6 Luglio, il festival Timitar proporrà al pubblico il meglio della musica tradizionale e contemporanea proveniente da tutti i continenti. Attraverso tre scene diverse, ripartite nella città di Agadir e l’accesso totalmente gratuito ad esse, Timitar invita gli spettatori a lasciarsi guidare dalla loro ispirazione al richiamo di questi differenti universi musicali

Per questa quinta edizione Timitar ha scelto di dare rilievo agli artisti marocchini. Oltre ad una programmazione di artisti internazionali di richiamo, il festival intende soprattutto presentare e promuovere la ricchezza e la varietà delle musiche marocchine. Ogni serata sarà aperta da un gruppo tradizionale amazigh, testimone del patrimonio musicale della regione Souss Massa Drâa.
Inscrivendosi nel solco dei grandi festivals di musica del mondo Timitar invita i grandi artisti che hanno segnato in maniera Festival Timitar 2008 Signes & Cultures | babelmed significativa lo scenario musicale di questi ultimi venticinque anni: Youssou N’Dour, Lamchaheb, Idir, Marcel Khalife, Alpha Blondy, Izenzaren, Rokia Traoré, Najat Aatabou, Ziskakan, Cheb Khaled, Takfarinas, Oulad el Bouazzaoui e Salif Keita sono i grandi nomi che sconvolgeranno le notti stellate di Agadir al suono della loro musica.
Allo stesso modo saranno protagonisti artisti della nuova generazione di muische dal mondo Maalesh o Etran Finatawa. Il genere molto atteso dei Rways sarà rappresentato da musicisti della levatura di Fatima Tabaamrant, Outajajt, Lahoucine Amarakchi, My Ahmed Ihihi, Fatima Tihihit e Haj Amentag. Il meglio del repertorio Tamwayt sarà interpretato da Cherifa e Ahouzar.

Il pubblico avrà anche la possibilità di scoprire gruppi appartenenti alla nuova musica tradizionale, fortemente presente nella regione di Souss con Imghrane, Oudaden, Tarragt, Azenkd, Toudart, Lahoucine Aït Baamrane e Aït Laati.
Forti del loro métissage, gli artisti provenienti da contesti di immigrazione, Chalaban, Raïss Tijani, Walid Mimoun, Yuba et Mehdi Haddab & The Speed Caravan condivideranno con il pubblico le molteplici influenze dei loro mondi musicali.

Festival Timitar 2008 Signes & Cultures | babelmedAnche le musiche attuali saranno della partita grazie alla presenza di gruppi della scena alternativa marocchina : Amarg Fusion, Darga, Fez City Clan, Rap 2 Bleb… e formazioni venute da altrove Didier Awadi e il suo gruppo Présidents d’Afrique per l’Hip-hop, Zong et Nortec Collective per l’Elettronica.
Infine l’appuntamento più atteso dagli amanti di immagini e suoni; il set deejay e Veejay con in scena Al Amal e Bijawane, con la presenza di VJ Dennis Dezenn, Kiss Dub e Rays ; e per il DJ, Dj Big Buddha, Ishtar, Dj B*indi, Mps Pilot, Badr Eddine, Mixape, Dj Key e Dj Saïf.
Una pluralità che mostra ancora, se ce n’era bisogno, che a Timitar sono le musiche amazigh ad invitare i musicisti del mondo. Parte integrante del programma, Timitar OFF renderà omaggio allo scrittore Mohamed Kheir Eddine attraverso una rappresentazione teatrale e un dibattito.
Timitar riunirà inoltre dei professionisti della musica per discutere della circolazione degli artisti tra le due rive del Sahara e del Mediterraneo.

Per informazioni:
www.festival-timitar.com

parole-chiave: