Cinéma Jeunes Talents, terza edizione | babelmed
Cinéma Jeunes Talents, terza edizione Stampa
babelmed   
Cinéma Jeunes Talents, terza edizione | babelmed
Soukaïna Hachem / Mourad Khallou

"Con l’arrivo dell’8mm, il mio grande desiderio sarebbe che persone che normalmente non realizzerebbero film inizino a farlo. Che un giorno una ragazzotta dell’Ohio possa diventare come Mozart e realizzare uno splendido film con la telecamera di suo padre. Alla fine, la pseudo-professionalità dell’industria cinematografica scomparirà lasciando il posto ad una vera forma d’arte” Francis-Ford Coppola.

Organizzato dalla Cinemateca di Tangeri, l’Istituto francese Tanger-Tétouan e l’associazione Safinatou el fan, la terza edizione « Cinéma Jeunes Talents » (Cinema giovani talenti) si è tenuta presso la Cinematica di Tangeri dal 10 al 14 febbraio 2010.

Il Festival Cinéma Jeunes Talents è il primo festival indipendente dedicato alla giovane creazione cinematografica marocchina. Consiste in un concorso di cortometraggi, laboratori, incontri e proiezioni. Il tema di questa terza edizione è stato il “rosso”, un tema suscettibile di molteplici interpretazioni: l’amore, il sangue, l’erotismo, il calore, il diavolo, la bandiera marocchina…

Durante il festival, 11 giovani registi selezionati sono stati formati alle tecniche di montaggio dall’Ecole Supérieure des Arts Visuels de Marrakech. Inoltre, hanno assistito a lezioni tenute da professionisti del settore (Ali Essafi, Jilali Ferhati, Karim Rafi et Tahar El Qour).

Sabato 13 febbraio, in una sala piena di gente, è stato consegnato il premio dalla giuria: Driss Ksikes, scrittore, drammaturgo, Nadira Ardjoun, programmatrice del Festival International de Courts-métrages de Clermont-Ferrand, Karim Rafi, musicista, produttore e Ali Essafi, regista.

Il primo premio (un soggiorno al festival di Cannes) è stato attribuito a Mourad Khallou , di Midelt, per «Une pomme rouge délicieuse» (Una deliziosa mela rossa, 9 minuti) : tra febbre suina, terrorismo e riscaldamento climatico, una coppia sceglie l’amore per sopravvivere…la giuria ha premiato l’originalità della narrazione, della simbologia e dell’idea.

Con il secondo premio, la giuria ha ricompensato la concisione, l’intensità di scrittura e di astrazione di «Perceptions», Percezioni, realizzato da Soukaïna Hachem (Casablanca).

Altri riconoscimenti sono stati attribuiti a tre film :
- Hamza Boulaïz , per «L’Empire du rouge», L’impero del rosso, e per aver creato un universo tutto suo.
- Gaspard Bruneau , per l’originalità della situazione e l’impegno sul piano musicale in «Mots rouges», parole rosse..
- Omar Mahfoudi per aver filmato il reale in «La Cage».

Dopo il vento e il rosso, il tema della quarta edizione sarà: «Moi», io.

Per maggiori informazioni: http://cinemajeunestalents.com/fr

(23/02/2010)

parole-chiave: