"Minor Swing",  Django Reinhardt & Stéphane Grappelli | Django Reinhardt, Stéphane Grappelli, banjoista, jazzista, conservatorio di ParigiLouis Armstrong, Bix Beiderbecke e Joe Venuti
"Minor Swing", Django Reinhardt & Stéphane Grappelli Stampa
babelmed   


//«Minor Swing», Django Reinhardt, Stéphane Grappelli, Le Quintette du Hot Club de France «Minor Swing», Django Reinhardt, Stéphane Grappelli, Le Quintette du Hot Club de France

 


 

Django Reinhardt

"Minor Swing",  Django Reinhardt & Stéphane Grappelli | Django Reinhardt, Stéphane Grappelli, banjoista, jazzista, conservatorio di ParigiLouis Armstrong, Bix Beiderbecke e Joe VenutiNacque a , Liberchiesun toponimo presso Pont-à-Celles (in Belgio), il 23 gennaio 1910 da una famiglia di etnia sinti. Dopo un lungo girovagare in varie nazioni europee e nordafricane, la sua carovana si fermò alla periferia di Parigi, città che fu scenario della quasi interezza della carriera del jazzista belga.

Quando aveva solo diciotto anni Reinhardt, che aveva già iniziato una carriera da apprezzato banjoista, subì un grave incidente. La roulotte di famiglia fu divorata da un incendio; Django riportò gravi ustioni, tanto da perdere l'uso della gamba destra e di parte della mano sinistra. (da Wikipedia)

 

Stéphane Grappelli

"Minor Swing",  Django Reinhardt & Stéphane Grappelli | Django Reinhardt, Stéphane Grappelli, banjoista, jazzista, conservatorio di ParigiLouis Armstrong, Bix Beiderbecke e Joe VenutiChiamato Stefano alla nascita, prende le prime lezioni da suo padre Ernesto, professore di filosofia e nobile italiano che era giunto in Francia da Alatri, dove i marchesi Grappelli, «una delle famiglie più distinte di Alatri che per ricchezza e per influenza aveva avuto una parte importante nella storia della città», possedevano un antico palazzo munito di torre (torre Grappelli).

A soli quattro anni Stefano perde la madre. Nel 1919 il padre gli fa ottenere la cittadinanza francese e cambiare il nome in Stéphane. Si iscrive al conservatorio di Parigi e non conclude gli studi accademici: apprende essenzialmente da autodidatta, ascoltando le prime registrazioni di Louis Armstrong, Bix Beiderbecke e Joe Venuti. Verso i 15 anni inizia a suonare il pianoforte come accompagnamento per i film muti, nei club e nei ristoranti parigini. (da Wikipedia)