Sulle tracce di Mussa Khan. Dall’Afghanistan a Roma Ostiense | babelmed
Sulle tracce di Mussa Khan. Dall’Afghanistan a Roma Ostiense Stampa
babelmed   
Mussa Khan è un muhajır , un rifugiato. È uno dei tanti afghani che ogni anno lasciano la famiglia e percorrono migliaia di chilometri per chiedere asilo in Europa. Mussa Khan è solo un ragazzo ma seguendo le sue tracce ci si imbatte in un intero mondo in movimento fatto di storie, speranze, persone.
Sulle tracce di Mussa Khan. Dall’Afghanistan a Roma Ostiense | babelmed
Per realizzare questo reportage, Paolo Martino ha viaggiato due mesi sulle rotte dei migranti attraverso Turchia, Grecia e Italia; ha visitato 20 associazioni, intervistato poliziotti, camionisti, equipaggi di navi e ha incontrato trafficanti, falsari, faccendieri e intermediari. Ma, soprattutto, ha condiviso con i muhajirin la lunga strada lastricata di sogni, aspettative, delusioni e notti insonni che porta in Europa.

Il reportage ha vinto il premio giornalistico “Insieme contro le discriminazioni” assegnato dalla Commissione Europea.


L’autore
Sulle tracce di Mussa Khan. Dall’Afghanistan a Roma Ostiense | babelmedPaolo Martino è un blogger e giornalista di 27 anni. Laureato in Relazioni internazionali, ha viaggiato per anni in Medio Oriente dove ha conosciuto la vita quotidiana, i sogni e le disillusioni dei rifugiati. Dopo aver collaborato con l'UNHCR, ha iniziato a occuparsi della condizione dei rifugiati afgani. La sua esperienza come giornalista è iniziata nel 2006, durante il conflitto tra Israele e Hezbollah; nel 2007 ha pubblicato un servizio realizzato durante un tour in bicicletta del Kosovo. Ha visitato il Caucaso meridionale, Maghreb e i Balcani, studiando la condizione dei rifugiati e degli emigranti.
Attualmente collabora con l’Osservatorio dei Balcani e Caucaso.


parole-chiave: