Le città di Arco Latino

 

Le città di Arco Latino
Quali idee, nuove tendenze e problemi caratterizzano Torino, Montpellier, Maiorca, Nuoro? Quali iniziative sociali e culturali favoriscono dialogo e convivenza civile? Chi sono i protagonisti? Nelle 4 città si sono svolte inchieste giornalistiche per indagare e capire se queste realtà urbane rappresentano nuovi modelli di convivenza, luoghi di sfide e opportunità per differenti culture e identità.
Il dossier è stato realizzato nell’ambito di un progetto per l’allargamento di Arco Latino (con la collaborazione di Paralleli-Istituto Euromediterraneo del Nord Ovest). Arco Latino è uno spazio di cooperazione politica nel Mediterraneo nato nel 2002: raggruppa 41 province italiane, 17 consigli generali e insulari spagnoli e 11 dipartimenti francesi con lo scopo di trovare soluzioni a problemi comuni.

www.arcolatino.org/

 


Stefanella Campana
giugno 2010

 

Related Posts

Obama, riva sud (del mediterraneo)

17/11/2008

Obama,  riva sud (del mediterraneo)Tutto il pianeta è stato coinvolto dalle elezioni del nuovo presidente americano, tra satira e realtà, quali impressioni e quali reazioni ha suscitato la vittoria di Obama in Marocco, Egitto, Algeria e Siria?

Dossier. Siria: resistenza cittadina

07/11/2016

 

Dossier. Syrie : résistance citoyenne | babelmed | culture méditerranéenneLa Siria stremata dai bombardamenti russi, stretta fra la dittatura di Bashar Assad e gli orrori di EI, uomini e donne della società civile: artisti, comici, attivisti, scrittori, usano il loro talento e la loro generosità per continuare a tutti i costi a vivere insieme. Articoli selezionati da Enab Baladi e Siria Untold nell'ambito del programma Ebticar.

Babelmed Mondo arabo. Inchieste e reportage nel Mediterraneo

16/02/2012

Babelmed Mondo arabo. Inchieste e reportage nel MediterraneoLontano dagli stereotipi, i giornalisti di  «Babelmed Mondo arabo»  propongono una serie di articoli sui cittadini della riva sud del Mediterraneo in Algeria, Egitto, Giordania, Libano, Libia, Marocco, Palestina, Siria, Tunisia. Il progetto è sostenuto dalla  Fondation pour le Futur (Amman) e la Fondation René Seydoux (Parigi).