Lettere dal carcere

bargh 545

La Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese ha realizzato un video per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni disumane di decine di prigionieri politici palestinesi trattenuti nelle carceri israeliane.

Dall’inizio dell’occupazione della Cisgiordania, nel 1967, oltre 800mila palestinesi, tra cui 10mila donne, sono stati arrestati: il 20 percento dell’intera popolazione. Negli ultimi 14 anni la stessa sorte è toccata a più di 8mila bambini.

Tra le mura delle prigioni israeliane, i detenuti subiscono vari tipi di crimini: tortura, isolamento, divieto di visite, mancanza di cure mediche, continui trasferimenti.

Molti sono morti a seguito di violente percosse e torture subite. Alcuni sono in attesa di giudizio da anni.

Il video “Lettere dal carcere: testimonianze di detenuti palestinesi” è stato realizzato nell’ambito della campagna per la liberazione d Marwan Barghouti e di tutti gli altri prigionieri politici palestinesi.

//Lettere dal Carcere Trailer

 

 


 

 

 

 

 

 

Related Posts

Il diavolo vince perché il buono tace

08/01/2009

Il diavolo vince perché il buono taceUna lettera di Mustafa Barghouti da Ramallah, Presidente dell’Alleanza per la Palestina. Laico, candidato due volte alla Presidenza dell’Autorità palestinese, ex ministro del governo di unità nazionale.

“Gaza Writes Back”

19/04/2016

GWB 110Scritto da quindici giovani palestinesi gazawi, il libro è una raccolta di 23 racconti, tanti quanti sono i giorni dell'offensiva militare israeliana lanciata su Gaza tra il 27 dicembre 2008 e il 18 gennaio 2009, la cosiddetta "Operazione Piombo Fuso" che ha causato più di 1400 morti, 5000 feriti e la distruzione o gravi danni a 11000 case e infrastrutture.

Una giornalista di Babelmed riceve il premio di Giornalismo Eliav-Sartawi

12/11/2008

Una giornalista di Babelmed riceve il premio di Giornalismo Eliav-SartawiCon grande piacere ci congratuliamo con la nostra giornalista Marie Medina, inviata da Gerusalemme, per il prestigioso premio giornalistico “Eliav-Sartawi” che riceverà per il suo articolo “Quando bambini arabi ed ebrei frequentano la stessa scuola”